Creare una camera oscura a Milano
Un progetto, un idea, che da troppi anni mi gira per la testa. 
Quello di creare una camera oscura a Milano, ma che non sia solo questo...
Quando ci pensavo mi veniva in mente un luogo d'incontro, un posto dove poter "fare", sporcare, stampare, esporre, discutere delle idee, mettere assieme una pubblicazione, una bozza, proiettare... Un "covo" della fotografia assieme. Non una galleria classica, ma un posto dove potersi ritrovare anche solo per guardare un libro, magari da una piccola selezione che muta nel tempo.
Piccoli percorsi, pubblicazioni urgenti e conversazioni segrete, corsi individuali di fotografia, scanner, stampanti...un laboratorio.
Per tanto tempo l'ho immaginato, poi la pandemia, ed il lavoro da fotografo che si arresta, e che ora richiederà tempo ed energie per essere ripristinato.
Quale migliore pazzia quindi di provare a farlo adesso? di provare a fare qualcosa di diverso, e soprattutto di interessante. La voglia di creare e di lavorare su delle idee esiste, quindi perché no?
A Settembre 2021 partirà tutto questo, i mesi estivi mi vedranno impegnato a lavorare duramente per mettere tutto in funzione, poi proverò a spargere la voce, a fare cose interessanti con persone con cui ci sarà un incontro di visione.
Le scuse per non farlo erano esaurite e come spesso accade era il momento di un cambiamento.
Da Settembre 2021, contatti e info
Camera Oscura Milano
Camera Oscura Milano
Camera Oscura Milano
Camera Oscura Milano
Camera Oscura Milano
Camera Oscura Milano
Piccoli frammenti dalla mia camera oscura casalinga, che presto sarà in buona compagnia in no spazio dedicato....
Il mio pensiero un giorno ha ricevuto una spinta leggendo queste parole in Inglese di Jerry Saltz  che condensa bene la voglia di fare necessaria specialmente nei momenti peggiori. Non so come andrà, è di certo un impegno importante per me, ma credo sia una strada che vale la pena percorrere. 
(potete facilmente tradurre il testo che segue)
A window is opening.

In the early 1990s there was no money in the art world. Commercial real estate was temporarily depressed - like now (now is much worse). Scores and scores or artists, gallerists, curators and critics curated shows, opened galleries, started Biennials, opened new Art Fairs (or whatever new model replaces the horrendous way art fairs operate now). Almost all of these people were poor; maxed-out credit cards; built it out of themselves. They started a tremendous new art world. They made new magazines. Because they had to in order to be seen or heard at all.

Covid has decimated commercial real-estate. Windows are opening again. Batons are being passed. - You can start your own museums and galleries and new art fairs.

Many lived illegally in these commercial spaces and offices and store fronts - with no bathroom except down the hall. They carved out corners. It was not that long ago. It was hard; It is hard. But - - - You build communities. There was no help; no grants; no nothing. Just stay up late every night with one-another, work, work, work- always be around other like vampires. You will create an ecstasy machine.

If you build it they will come. Almost every artist over the age of 40 started, participated in, came through all these 1000s of people who self-started and sustained this world.

You don’t need lots of people. (Note: Even then peole said “no it’s too expensive; housing is way way too costly; you can’t do it; prices are only 5% lower than five years ago; and al the many things people say again today.) No one is going to do it for you. You have to do it for one-another. (That’s what my idiot social-media philosophy is: We should talk to and do for one another; NOT be talked to from someone in authority.). This is not about government agencies and plans. No one says this is easy. No one wants to “go back to the old days.” This is about the new days. You need energy. Energy.

Mark me.

Jerry Saltz
Submit
Thank you!

You may also like

Back to Top